a

Valsabbia e Valtenesi, terre di funghi

Valsabbia e Valtenesi, terre di funghi

La Valsabbia e la Valtenesi sono territori collinari caratterizzati da un clima mite, che consente la crescita di viti e ulivi, da cui si ricavano pregiati vini DOC e olio extravergine di oliva di qualità. Ricca di zone boschive, questa zona gardesana, in provincia di Brescia, è l’habitat ideale anche per trovare diverse specie di funghi, tra i quali i celebri tartufi e porcini. 

Il territorio è famoso, in particolare, per il tartufo nero e per il tartufo bianco, specie rara e molto apprezzata per il suo sapore. I tartufi neri che si possono trovare nella zona sono di due tipologie: pregiato ed estivo. Queste due specie di tartufi sono caratterizzate dal periodo in cui vengono raccolte; il tartufo nero pregiato è tipico dei mesi autunnali e invernali, quello estivo si raccoglie in primavera e in estate. I due tipi di tartufo nero sono accomunati da un sapore aromatico, anche se quello estivo ha un gusto più deciso, simile a quello dei porcini ed è ideale per creare creme e salse.

Chi si reca nelle valli bresciane può acquistare i funghi freschi o conservati in vari modi, sia nei negozi di prodotti locali sia presso le aziende agricole del territorio. Molte di queste sono dedite alla coltivazione del tartufo in apposite aree, chiamate tartufaie, nelle quali viene creato l'ambiente naturale, idoneo alla crescita di questi funghi.

Tour gastronomici permettono di degustare i piatti della tradizione culinaria della Valsabbia e della Valtenesi, dove non mancano prelibatezze a base di funghi, che possiedono proprietà nutrizionali importanti, proteine, aminoacidi e vitamine del gruppo B. Si possono assaporare tagliatelle e ravioli di zucca al tartufo, risotto con formaggio e porcini, tagliate di manzo e fagiano spolverati con tartufo. L’Associazione Tartufai e Tartuficoltori Bresciani organizza alcune manifestazioni interessanti, durante le quali è possibile degustare i tartufi e partecipare a convegni sulla tartuficoltura delle colline del Garda.



Seguici