a

Blog

La Rocca di Manerba del Garda, un leggendario scenario

La Rocca di Manerba del Garda, un leggendario scenario

La Rocca di Manerba del Garda è situata sulla costa occidentale del Lago di Garda ed è uno dei più spettacolari paradisi naturalistici del terrtiroio. La sua geologia si presenta tra vari dislivelli di rocce verdi e sentieri boschivi, una cornice che permette di godere di una splendida vista sul lago e intraprendere salutari escursioni e passeggiate.

Gli scavi archeologici hanno portato alla luce testimonianze di abitanti vissuti da 5000 a 8000 anni fa. È possibile visitare la vasta area archeologica in un grande e meraviglioso altopiano non molto esteso, ricoperto da boschi e prati per circa 90 ettari. La Rocca domina tutto il panorama e fa da cornice al tratto costiero conosciuto come il Parco Naturale Archeologico della Rocca e del Sasso. Nei pressi del parcheggio ai piedi della Rocca è possibile visitare il Museo Civico Archeologico della Valtenesi. Al piccolo museo è collegato il parco naturalistico dove è possibile godere di panorami deliziosi e tramonti unici.

La leggenda della Rocca di Manerba narra di un lupo ferocissimo che abitava sulla rupe di Manerba e difendeva il territorio non facendo avvicinare nessuno. Dopo diversi tentativi per sconfiggerlo, furono scelti tre giovani per catturare il perfido lupo. Il primo era un un cacciatore che cercò di attirare l'animale con un'esca selvatica viva, ma il lupo lo costrinse a cadere dalle scogliere e il suo tentativo fallì. Il secondo era un pescatore e tentò di catturare il perfido lupo con una rete ma finì anch'egli nel vuoto come il primo. Il terzo giovane era un contadino e fu molto astuto perché attirò a sé il lupo con finti ululati e lo affrontò con una semplice croce, intimandogli di arretrare. Il lupo ebbe timore e indietreggiò fino a cadere nella rupe. Il giovane della Pieve fu festeggiato con una grande croce sulla Rocca dal popolo e la leggenda racconta che i corpi degli altri due coraggiosi giovani caduti in mare, si trasformarono in due grandi scogli.



Seguici